Geopotenziali 500hpa
FREDDO E NEVE AL CENTRO-NORD TRA IL 18 E IL 22 MARZO. FOCUS 18 E 19 MARZO.

L’elevazione di un potente anticiclone di blocco sull’Atlantico settentrionale in spostamento sulla Penisola scandinava determinerà lo scivolamento verso l’Europa centro-meridionale di masse d’aria fredda di origine artico-continentale. Anche l’Italia sarà colpita. Almeno un paio di saccature artiche, forse tre, determineranno un colpo di coda invernale dai connotati importanti sull’Italia centro-settentrionale.
Le regioni più colpite saranno quelle settentrionali e quelle adriatiche. Le isoterme a 850 hPa scenderanno di diversi gradi sotto le medie, sino a toccare i -6°C a 1400 metri, ma anche le isoterme a 500 hPa saranno notevoli, con picchi vicino ai -35°C a 5.000 metri circa.

Temperature a 850 hpa, circa 1500 mt


In particolare diversi modelli indicano per il 19 marzo la formazione di un minimo tra Ligure e Tirreno, in grado di provocare precipitazioni nevose sino a quote pianeggianti al Nord, soprattutto a sud del Po, tra basso Piemonte, Liguria padana, Oltrepò pavese ed Emilia occidentale. Neve, anche copiosa cadrà sui monti, Alpi e Appennini, sino ai fondovalle collinari. Anche le regioni adriatiche come le Marche e l’Abruzzo saranno investite da nevicate sino a quote collinari.
Nei prossimi giorni cercheremo di essere più precisi. Rimanete sintonizzati sui nostri canali per tutti gli aggiornamenti.
meteogazzetta.it
canale Facebook

spaghetti Ensemble modena
cumulo precipitazioni nevose a venerdì 19 marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *