Il passaggio di una perturbazione intensa tra il 1° e il 2 maggio, determinerà il richiamo di correnti molto calde dall’Africa settentrionale sulle nostre regioni meridionali e in parte centrali. Addirittura farà capolino per la prima volta nella stagione l’isoterma di +20°C a 850 hPa tra Sicilia, Calabria, Campania, Basilicata e Puglia. Questo significa che avremo dei picchi prossimi ai +30°C in queste regioni.

Il forte richiamo caldo lascerà poi spazio all’irruzione della perturbazione al Nord, con particolare riguardo alle regioni occidentali e alpine tra il 1° e il 2 maggio. Piogge intense, associate a un deciso calo termico, colpiranno le regioni settentrionali, lasciando in ombra, forse, l’Emilia orientale e la Romagna.

MeteoGazzetta.it
pagina facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *