ITALIA DIVISA TRA PIOGGE E AFRICA

Il mese di Aprile continua ad essere dominato da un meteo dinamico e a tratti instabile, tipico del cambio stagionale Dopo il dominio delle correnti Orientali, che hanno determinato temperature sotto media. Abbiamo assistito persino a nevicate a quote basse per il periodo nelle scorse settimane, oltre al ritorno delle piogge al Centro – Nord. Ora si prospetta il prosieguo di una certa dinamicità, dominata dal passaggio di diversi fronti perturbati da Ovest. Questi coinvolgeranno soprattutto le Regioni Tirreniche e quelle Settentrionali, mentre al Meridione inizierà un periodo con temperature sopra media e abbastanza stabile, seppur non dominato da cieli sgombri da nubi.

Fine settimana migliore

Nel prossimo fine settimana ci sarà un momentaneo miglioramento delle condizioni atmosferiche, grazie all’avanzamento verso Levante della perturbazione in azione venerdì al Meridione, che lascerà spazio ad una rimonta altopressoria di un’ onda di matrice sub tropicale dal Nord Africa. Al contempo questa sarà innescata dallo sprofondamento di una goccia fredda in Atlantico a largo del Portogallo, che da lunedì si sposterà verso Est, agganciando parte dell’ aria Artica che si troverà tra Scandinavia e Nord Europa.

L’evidente onda calda sub tropicale nel fine settimana

Da martedì però si cambia

Ne conseguirà quindi la formazione di una depressione tra Sardegna e Baleari in spostamento verso la Penisola e, da martedì, l’arrivo di precipitazioni diffuse su Regioni Tirreniche e Nord Italia. Ma la lacuna barica ormai avrà fatto conquista anche del Centro. Infatti si avranno quasi tutti i giorni mattinate più stabili e pomeriggi piovosi, soprattutto su Appennino e aree interne. Dalla linea Gargano – Molise – Campania in su. Meglio più a Sud.

Questa alternanza tra fronti perturbati ed effimere pause asciutte pare poter proseguire fino all’ arrivo del prossimo mese di Maggio. Infatti i modelli vedono in successione un secondo affondo instabile tra giovedì e venerdì prima e a ridosso del ponte del Primo Maggio poi. Questi saranno causati dalla probabile deriva Occidentale delle saccature artiche, unite allo sprofondamento di altre gocce fredde in Atlantico.

Il primo fronte instabile con anche la formazione di una depressione per l’inizio della prossima settimana
Situazione barica per venerdì: Italia divisa in due e terra di forti contrasti ed instabilità

Italia divisa in due

Questo mix creerà le condizioni per le quali la Penisola si troverà nella terra di nessuno, divisa tra l’ onda calda subtropicale da Sud e l’ aria Artica Oltralpe: condizioni ideali per la creazioni di contrasti proprio su Centro e Nord Italia, foriere di piogge diffuse. Le temperature saranno quindi prevalentemente sopra media al Centro – Sud e in linea con le medie del periodo al Nord, dopo il loro incremento che avverrà nel prossimo fine settimana del 25 Aprile. Andrà comunque sempre seguita l’evoluzione di questa tendenza nei prossimi giorni: seguitici qui sul nostro sito !!

Un po’ in là nel tempo, ma carta esplicativa delle anomalie termiche a 850 hPa che potrebbero riguardare l’ Italia. Evidenti le differenze tra Nord e Sud del Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *