La situazione

Sono ormai diversi giorni che l’anticiclone insiste sul nostro paese, ciò porta a diverse conseguenze, tra cui l’inquinamento atmosferico. L’alta pressione porta l’aria a stagnare nei bassi strati e quindi le polveri nell’aria prodotte dai veicoli o da altri sorgenti (quali ad esempio gli scarichi delle fabbriche o addirittura i camini accesi delle case) tendono ad accumularsi.

Gli inquinanti

Esistono diversi tipi di inquinanti, PM2.5 o PM10 giusto per citarne alcuni, i numeri stanno ad indicare la grandezza delle particelle solide nell’aria in micron (10 micron = 0,01 mm 2.5 micron = 0,0025 mm). Le particelle PM2.5 sono ritenute più pericolose poiché quando respirate sono in grado di penetrare anche nel sangue dal polmoni, e secondo alcuni studi possono aumentare le probabilità di ammalarsi di cancro (i nostri globuli rossi sono grandi circa 8 micron).

La mappa in tempo reale

Dando uno sguardo alla mappa in tempo reale le zone più inquinate sono le aree centro-occidentali della Val Padana (Milano in primis). Zone del romano e Ciociaria (Cassino molto spesso ha il triste primato di città più inquinata d’Italia con 153 microgrammi al metro cubo). Basti pensare che l’Unione Europea ha stabilito il limite per la salute a 50 microgrammi al metro cubo. Alto anche il valore di diossido di azoto NO2, che supera di 9 unità il valore raccomandato dall’OMS, tuttavia i prossimi giorni con un aumento della ventilazione da est la situazione dovrebbe migliorare.

Mappa PM2.5 fonte: inquinamentoitalia.com

Per aggiornamenti sul meteo ricordati di visitare il nostro sito!

2 pensiero su “ANTICICLONE, IL LATO OSCURO DEL BEL TEMPO”
  1. Interessante grazie.
    Io sono di Genova e la Liguria mi pare neanche presa in considerazione. Come mai? Grazie x eventuali risposte.
    Fabio

    1. Ciao Fabio! la rete di rilevazione di inquinamentoitalia.com non considera nè la Liguria nè il sud Italia purtroppo, per trovare i dati specifici della propria località bisogna collegarsi con l’Arpa della propria regione oppure consultare i dati satellitari sul sito dell’ESA, cercando il satellite Sentinel 5-P. Lo scopo del post era parlare in generale dell’inquinamento e individuare la località più inquinata d’Italia, grazie per il commento, non esitare a scrivere per eventuali altri dubbi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *